• L'Open Access
  • L'istruzione superiore nel XXI secolo
  • Aumentare le tasse conviene?
  • 30 anni di Cimea
  • L'ipertrofia normativa delle università
  • Il tirocinio formativo attivo
NOTIZIE DALL'ITALIA
25/06/2015
Regione Lazio: percorsi di alta formazione in Italia e all’estero per studenti universitari e laureati
11/06/2015
Pubblicato il bando per il premio ITWIIN 2015 alle migliori donne innovatrici
12/05/2015
Garanzia Giovani: opportunità di studio e lavoro nelle professioni digitali
11/05/2015
Svimez: le attività del “Forum delle Università del Mezzogiorno” per il 2015
01/05/2015
AlmaLaurea 2015: timidi segnali di ottimismo
20/04/2015
È morto all’età di 94 anni Giorgio Salvini, illustre fisico
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
01/07/2015
Ocse: entro il 2030 metà degli studenti laureati saranno cinesi e indiani
26/06/2015
Le difficoltà dei datori di lavoro nella ricerca dei talenti per l’occupazione
24/06/2015
Spagna: la prima guida per studenti universitari con disabilità
14/05/2015
Erasmus+: prestiti agli studenti, 18 mila euro per un corso di secondo ciclo all’estero
13/05/2015
Russia: la crisi economica si abbatte sul sistema d’istruzione superiore
22/04/2015
Eua: Rolf Tarrach, Università del Lussemburgo, è il nuovo presidente
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Noi Italia 2012: istruzione e formazione in cifre
Statistiche - Istat
 


L'edizione 2012 dell'indagine ISTAT Noi Italia presenta gli aspetti economici, sociali, demografici e ambientali che caratterizzano il nostro Paese e le differenze che distinguono le regioni. Inoltre, è analizzata la collocazione dell'Italia nel contesto europeo.

L'Italia, con 200 abitanti per km2, è uno dei paesi più densamente popolati dell'Unione Europea (la media UE è circa 114 abitanti per km2) e con il 12% degli oltre 500 milioni di abitanti dell'UE è il quarto paese per dimensione demografica. Dopo anni di stagnazione, dal 2001 la popolazione ha ricominciato debolmente a crescere, sia per effetto delle nascite che dell'immigrazione. Forte lo squilibrio generazionale: 144,5 anziani ogni 100 giovani (in Europa, solo in Germania l'indice di vecchiaia è superiore).

In Italia si spende per istruzione e formazione il 4,8% del Pil (2009), un valore decisamente inferiore a quello dell'UE (5,6%). Circa il 45% della popolazione tra 25 e 64 anni ha la licenza media come titolo di studio più elevato, mentre la media UE è 27,3% (2010). Sensibilmente più alta rispetto alla media UE (14,1%) è la quota di giovani di 18-24 anni che ha abbandonato gli studi senza conseguire il titolo di scuola media superiore. Il 19,8% dei 30-34enni ha conseguito un titolo di studio universitario (o equivalente): nel periodo 2004-2010 si è registrato un incremento (+4,2%), ma si è ancora molto lontano dall'obiettivo del 40% fissato dalla "Strategia Europa 2020". I laureati in discipline tecnico-scientifiche sono ancora troppo pochi (12,2 ogni mille abitanti in età 20-29), e comunque inferiori alla media europea (14,3). Tuttavia, le disparità di genere in Italia sono meno accentuate che in altri paesi UE.

I dati più preoccupanti sono quelli relativi al gruppo 15-29 anni: più di due milioni di essi (22,1%, a fronte di una media europea del 15,3) non lavorano, non studiano e non sono impegnati in un percorso di formazione. I cosiddetti Neet (Not in Education, Employment or Training) rappresentano un triste primato italiano: siamo secondi solo alla Bulgaria. Francia, Regno Unito e Germania sono fermi a valori assai più contenuti: i primi due al 14,6 % e la seconda al 10,7. Inoltre, la situazione è sbilanciata a sfavore delle donne che raggiungono il 24,9% a fronte del pur "ragguardevole" 19,3 degli uomini.

Il problema del lavoro assume toni sempre più drammatici: tra il 2009 e il 2010 la disoccupazione di lungo periodo - ovvero chi rimane senza lavoro per più di un anno - è aumentata di oltre quattro punti, raggiungendo il 48,5% dei disoccupati. La disoccupazione giovanile è arrivata al 27,8%. Il tasso di inattività della popolazione di 15-64 anni è al 37,8%, uno dei valori più alti in ambito europeo, che per le donne arriva addirittura al 48,9%. Gli occupati in età 55-64 anni sono pari al 36,6%: un dato che risulta in aumento rispetto al 2009, contrariamente a quanto avvenuto per l'occupazione nel suo complesso. Non bisogna poi sottovalutare il lavoro nero, che raggiunge quota 12,3%.

Alla spesa per ricerca è sviluppo è dedicato l'1,26% del Pil: un valore distante dai paesi europei più avanzati, ma non lontano dall'obiettivo fissato a livello nazionale per il 2020 (1,53%). Per quanto riguarda i brevetti, l'indice di intensità brevettuale è tra i più bassi in Europa. Il tasso d'imprenditorialità è poco inferiore al 32%, quindi la propensione all'imprenditorialità è elevata, ma l'Italia è in fondo alla classifica per dimensione media di impresa, ovvero un sistema che non consente grandi espansioni.

 

Isabella Ceccarini
(febbraio 2012)

 



Articoli correlati:

Noi Italia 2011: un nuovo strumento on line dell'Istat per studiare il nostro paese
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
Universitas per iPhone e iPad
QUADERNI
28. Dallo studio al lavoro. Iniziative, strumenti e criticità nel placement dei laureati
Cimea
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
Riflessioni sull'etica del sapere
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG