• La comunicazione del brand di ateneo
  • Il programma nazionale della ricerca
  • La riforma del Terzo Settore
  • Università e crisi dell'Europa
  • Il progetto Reconow
  • I dati sulle immatricolazioni
NOTIZIE DALL'ITALIA
07/07/2016
Verso il riconoscimento scientifico e giuridico della bioingegneria in Italia e in Europa
27/06/2016
Corsi in inglese nelle università italiane: aggiornata al 2015-2016 la rilevazione della CRUI
24/06/2016
Censis: fuga dei talenti meridionali al Nord e crisi dell’investimento produttivo nel Mezzogiorno
20/06/2016
Il valore del titolo universitario nel mercato del lavoro: chi studia a Milano guadagna di più
09/06/2016
Diritto allo studio: agevolazioni per studenti universitari e futuri iscritti a Milano e Roma
06/06/2016
Università 2020: come rilanciare la formazione
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
27/07/2016
La posizione di Eua e Crui sugli eventi turchi
04/07/2016
UE: pubblicata la direttiva sulle condizioni di ingresso e soggiorno di studenti e ricercatori internazionali
28/06/2016
Thailandia: accesso a Medicina, tecnologia da James Bond per barare agli esami
24/06/2016
OCSE: più permessi di lavoro per laureati internazionali in Europa
23/06/2016
Missione sociale e rifugiati nella 3° conferenza arabo-europea sull’istruzione superiore
14/06/2016
Unione europea: i finanziamenti pubblici all’istruzione superiore secondo Eurostat ed Eurydice
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Noi Italia 2012: istruzione e formazione in cifre
Statistiche - Istat
 


L'edizione 2012 dell'indagine ISTAT Noi Italia presenta gli aspetti economici, sociali, demografici e ambientali che caratterizzano il nostro Paese e le differenze che distinguono le regioni. Inoltre, è analizzata la collocazione dell'Italia nel contesto europeo.

L'Italia, con 200 abitanti per km2, è uno dei paesi più densamente popolati dell'Unione Europea (la media UE è circa 114 abitanti per km2) e con il 12% degli oltre 500 milioni di abitanti dell'UE è il quarto paese per dimensione demografica. Dopo anni di stagnazione, dal 2001 la popolazione ha ricominciato debolmente a crescere, sia per effetto delle nascite che dell'immigrazione. Forte lo squilibrio generazionale: 144,5 anziani ogni 100 giovani (in Europa, solo in Germania l'indice di vecchiaia è superiore).

In Italia si spende per istruzione e formazione il 4,8% del Pil (2009), un valore decisamente inferiore a quello dell'UE (5,6%). Circa il 45% della popolazione tra 25 e 64 anni ha la licenza media come titolo di studio più elevato, mentre la media UE è 27,3% (2010). Sensibilmente più alta rispetto alla media UE (14,1%) è la quota di giovani di 18-24 anni che ha abbandonato gli studi senza conseguire il titolo di scuola media superiore. Il 19,8% dei 30-34enni ha conseguito un titolo di studio universitario (o equivalente): nel periodo 2004-2010 si è registrato un incremento (+4,2%), ma si è ancora molto lontano dall'obiettivo del 40% fissato dalla "Strategia Europa 2020". I laureati in discipline tecnico-scientifiche sono ancora troppo pochi (12,2 ogni mille abitanti in età 20-29), e comunque inferiori alla media europea (14,3). Tuttavia, le disparità di genere in Italia sono meno accentuate che in altri paesi UE.

I dati più preoccupanti sono quelli relativi al gruppo 15-29 anni: più di due milioni di essi (22,1%, a fronte di una media europea del 15,3) non lavorano, non studiano e non sono impegnati in un percorso di formazione. I cosiddetti Neet (Not in Education, Employment or Training) rappresentano un triste primato italiano: siamo secondi solo alla Bulgaria. Francia, Regno Unito e Germania sono fermi a valori assai più contenuti: i primi due al 14,6 % e la seconda al 10,7. Inoltre, la situazione è sbilanciata a sfavore delle donne che raggiungono il 24,9% a fronte del pur "ragguardevole" 19,3 degli uomini.

Il problema del lavoro assume toni sempre più drammatici: tra il 2009 e il 2010 la disoccupazione di lungo periodo - ovvero chi rimane senza lavoro per più di un anno - è aumentata di oltre quattro punti, raggiungendo il 48,5% dei disoccupati. La disoccupazione giovanile è arrivata al 27,8%. Il tasso di inattività della popolazione di 15-64 anni è al 37,8%, uno dei valori più alti in ambito europeo, che per le donne arriva addirittura al 48,9%. Gli occupati in età 55-64 anni sono pari al 36,6%: un dato che risulta in aumento rispetto al 2009, contrariamente a quanto avvenuto per l'occupazione nel suo complesso. Non bisogna poi sottovalutare il lavoro nero, che raggiunge quota 12,3%.

Alla spesa per ricerca è sviluppo è dedicato l'1,26% del Pil: un valore distante dai paesi europei più avanzati, ma non lontano dall'obiettivo fissato a livello nazionale per il 2020 (1,53%). Per quanto riguarda i brevetti, l'indice di intensità brevettuale è tra i più bassi in Europa. Il tasso d'imprenditorialità è poco inferiore al 32%, quindi la propensione all'imprenditorialità è elevata, ma l'Italia è in fondo alla classifica per dimensione media di impresa, ovvero un sistema che non consente grandi espansioni.

 

Isabella Ceccarini
(febbraio 2012)

 



Articoli correlati:

Noi Italia 2011: un nuovo strumento on line dell'Istat per studiare il nostro paese
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
Euprio Conference 2016
QUADERNI
30. MOOC. Risorse educative aperte
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG