• Occidente e Islam
  • Settima Indagine Eurostudent
  • Proposte per gli atenei del Sud
  • La mobilità internazionale
  • Atto di indirizzo Miur 2016
  • Dossier statistico immigrazione
NOTIZIE DALL'ITALIA
12/02/2016
Per una nuova primavera delle Università
08/02/2016
La CRUI chiede al MIUR una proroga per la fornitura dei dati per la VQR 2011-2014
03/02/2016
Legge di stabilità 2016: gli interventi per accrescere l’attrattività del sistema universitario italiano
27/01/2016
L’orientamento narrativo, i Neet e i Dropout
18/01/2016
Premio Canada-Italia per l’innovazione 2016
14/01/2016
Università Insubria: l’alternanza scuola-lavoro si può fare anche all’università
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
12/02/2016
USA: cresce il numero degli studenti vietnamiti nelle università
11/02/2016
Kenya: riapre il Garissa University College
29/01/2016
Svezia: in aumento il numero di studenti non europei, nonostante le tasse
26/01/2016
Spagna, laureati occupati: aumentano in patria mentre l’8% va all’estero
25/01/2016
Pakistan: attentato alla Bacha Khan University. L'EUA: "Proteggiamo le Università dagli attacchi terroristici"
28/12/2015
Università UK: le difficoltà delle minoranze etniche nell’accesso ai percorsi accademici e alle cariche dirigenziali
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Pubblicato l’8° Rapporto Eurydice Key Data on Education in Europe 2012
 


È stato pubblicato l'8° Rapporto Eurydice "Key Data on Education in Europe 2012", un'analisi sull'evoluzione dei sistemi educativi adottati nell'ultimo decennio. L'indagine si articola in sette capitoli: contesto, strutture, partecipazione, risorse, personale docente e dirigente, processi educativi e livelli di istruzione, transizione al lavoro.

In Belgio, Paesi Bassi, Germania, Regno Unito e Italia si registra un preoccupante calo nella produzione di laureati (Scienze, Matematica e Informatica). Nel complesso, aumenta il numero dei laureati per gruppi di età: nel 2010 il 79% dei giovani in età tra 20 e 24 anni ha centrato l'obiettivo. In alcuni Paesi (Danimarca, Islanda, Cipro, Lussemburgo, Finlandia, Svezia e Norvegia) i 30-34enni laureati superano la soglia del 45%, in altri (Italia, Malta, Romania e Turchia) rimangono al di sotto del 20%. I più precoci all'approccio universitario già all'età di 18 anni sono registrati in Belgio, Irlanda, Grecia, Spagna, Francia, Portogallo e Regno Unito; i più tardivi nella fuoriuscita dal sistema i Paesi nordici (Danimarca, Finlandia, Svezia, Irlanda e Norvegia) dove il 10% dei 28enni risulta ancora iscritto.

Le donne rappresentano ovunque la componente studentesca più numerosa, soprattutto nelle aree dell'educazione (80%), di medicina (76%) e di lettere (69%), ma sono meno presenti nel settore scientifico (al di sotto del 50% in Italia, Portogallo e Romania) e nella docenza universitaria (il 50,5% nella sola Finlandia, i livelli più bassi in Ungheria, Malta e Slovenia). Nonostante un certo miglioramento, le laureate disoccupate sono più degli uomini. I laureati «si integrano sul mercato del lavoro due volte più rapidamente (in media 5 mesi) rispetto a chi è in possesso di una qualifica di livello inferiore» (mediamente 9,8 mesi). Anche se non sempre in posizioni lavorative consone al titolo conseguito (un laureato su cinque risulta sovra qualificato), la formazione ricevuta gioca comunque un ruolo importante per la permanenza in attività.

In alcuni casi, il reclutamento del personale docente rimane prerogativa delle autorità centrali o regionali, in altri (Repubblica Ceca, Estonia, Grecia, Lussemburgo, Paesi Bassi e Regno Unito) rientra nella competenza delle singole istituzioni formative, maggiormente coinvolte anche nella valutazione e nella promozione dello staff accademico.

La determinazione numerica e le procedure di ammissione degli studenti risultano concentrate in alcuni casi nei poteri centrali, altre volte condivise con gli atenei ovvero da questi direttamente stabilite (Irlanda, Norvegia, Paesi Bassi).

Ogni comportamento appare influenzato dalle disponibilità di bilancio nazionale, che incidono anche sulla gratuità o meno del servizio formativo erogato. Un finanziamento, mediamente assorbito per i due terzi dai costi del personale docente, che ovunque ha risentito della crisi economica, e che oscilla - per il segmento formativo più alto - dallo 0,8% al 2,2% del Pil (la sola Norvegia supera la soglia del 2%).

 

Maria Luisa Marino
(23 marzo 2012)

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
30. MOOC. Risorse educative aperte
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG