• Speciale Expo Milano 2015
  • Gli atenei per l'Expo
  • Cnr. La ricerca per la nutrizione
  • Banco Alimentare. Il cibo è un dono
  • Ferrero. Business aperto al sociale
  • Onu. Impegno per la fame zero
NOTIZIE DALL'ITALIA
06/07/2015
Università: nuovo taglio al Fondo di finanziamento ordinario per gli atenei
25/06/2015
Regione Lazio: percorsi di alta formazione in Italia e all’estero per studenti universitari e laureati
11/06/2015
Pubblicato il bando per il premio ITWIIN 2015 alle migliori donne innovatrici
12/05/2015
Garanzia Giovani: opportunità di studio e lavoro nelle professioni digitali
11/05/2015
Svimez: le attività del “Forum delle Università del Mezzogiorno” per il 2015
01/05/2015
AlmaLaurea 2015: timidi segnali di ottimismo
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
10/07/2015
Kenya, dopo Garissa: priorità alla formazione dei docenti e allo sviluppo dei campus esistenti
01/07/2015
Ocse: entro il 2030 metà degli studenti laureati saranno cinesi e indiani
26/06/2015
Le difficoltà dei datori di lavoro nella ricerca dei talenti per l’occupazione
24/06/2015
Spagna: la prima guida per studenti universitari con disabilità
14/05/2015
Erasmus+: prestiti agli studenti, 18 mila euro per un corso di secondo ciclo all’estero
13/05/2015
Russia: la crisi economica si abbatte sul sistema d’istruzione superiore
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
La presentazione del XIII Rapporto AlmaLaurea sulla condizione occupazionale dei laureati italiani
Statistiche
 


Per realizzare concretamente un'economia della conoscenza, le parole chiave sono istruzione, ricerca e innovazione: principi sui quali si sono trovati d'accordo i partecipanti alla Conferenza internazionale "Capitale umano e occupazione nell'area europea e mediterranea" organizzata dall'Università di Bologna e dal Consorzio Almalaurea (10-11 marzo). L'obiettivo della Conferenza è stato promuovere lo scambio di conoscenze interdisciplinari, informazioni ed esperienze tra laureati, ricercatori, imprese, università e governi.

La crisi economico-finanziaria ancora in atto, che continua a ripercuotersi in modo particolare sui giovani, ha avuto un forte impatto sul mondo del lavoro, riducendo da un lato le possibilità di occupazione, dall'altro i guadagni. L'Italia è ancora lontana dall'obiettivo del 40% di laureati entro il 2020 individuato dalla Commissione Europea e il calo di iscritti nelle nostre università corrisponde anche al calo demografico registrato negli ultimi anni.

Come emerso dal XIII Rapporto Almalaurea, in Italia i diplomati hanno maggiori difficoltà a trovare un'occupazione rispetto ai laureati (il rapporto è di 66 a 75 su 100). A un anno dal conseguimento del titolo diminuiscono i contratti di inserimento e il lavoro atipico, ma aumenta il lavoro nero. Dopo 3-5 anni i guadagni si contraggono (ma i laureati guadagnano più dei diplomati, nella proporzione di 155 a 100), anche se i tassi di occupazione sono relativamente buoni; dal 2000, in assoluto, i tassi di occupazione dei laureati a cinque anni dal titolo sono costantemente calati e anche il guadagno è in calo del 9,1%. In linea generale, l'85% dei laureati si orienta verso il settore privato, mentre il 15% trova impiego nel settore pubblico. Il master e lo stage costituiscono un valore aggiunto che non ha perso convenienza ai fini dell'occupazione e della retribuzione.

Differenze sensibili emergono anche tra le varie aree: il tasso più alto di occupazione spetta ai laureati del gruppo medico (che sfiorano il 100% già a un anno dal titolo), seguiti dai gruppi architettura, economico-statistico e ingegneria (che raggiungono l'85% circa di occupati a tre anni dalla laurea). La quota di occupati dei gruppi geo-biologico, chimico-farmaceutico e giuridico resta invece inferiore alla media.

Per leggere alcuni commenti dei protagonisti del convegno e altri usciti sulle pagine dei quotidiani, clicca qui.


Isabella Ceccarini
(marzo 2011)
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
Universitas per iPhone e iPad
QUADERNI
28. Dallo studio al lavoro. Iniziative, strumenti e criticità nel placement dei laureati
Cimea
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
Riflessioni sull'etica del sapere
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG