• La carica degli alumni
  • Paolo Portoghesi alla Sapienza
  • La contaminazione delle conoscenze
  • Gli studenti non tradizionali
  • Giappone, atenei aperti al mondo
  • L'Europa cerca laureati nelle scienze
NOTIZIE DALL'ITALIA
02/05/2016
Generazione Erasmus: la mobilità internazionale come “valore” per l’Europa
22/04/2016
Trieste: l'università va in fabbrica a portare la cultura umanistica
18/04/2016
Assemblea CODAU/Diritto allo studio e codice degli appalti
15/04/2016
Progetto Phd-ITalents: al via le candidature dei dottori di ricerca
13/04/2016
Best Employer of Choice 2016: Ferrovie dello Stato è l’azienda più desiderata dai neolaureati italiani
06/04/2016
Cassazione: stop al mantenimento dei figli con scarso rendimento negli studi universitari
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
22/04/2016
Cuba: gli impegni per rendere effettiva la cooperazione accademica con gli USA
19/04/2016
EUA: l’impatto delle tecnologie digitali sull’istruzione superiore
23/03/2016
Global Teacher Prize 2016 a Hanan Al Hroub, insegnante palestinese
04/03/2016
EUA: lanciata la Refugees Welcome Map per studenti, docenti e personale accademico in fuga
03/03/2016
Cile: approvata la legge sulla gratuità degli studi dell’istruzione superiore
02/03/2016
Finlandia: rette universitarie obbligatorie per gli studenti internazionali
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
La presentazione del XIII Rapporto AlmaLaurea sulla condizione occupazionale dei laureati italiani
Statistiche
 


Per realizzare concretamente un'economia della conoscenza, le parole chiave sono istruzione, ricerca e innovazione: principi sui quali si sono trovati d'accordo i partecipanti alla Conferenza internazionale "Capitale umano e occupazione nell'area europea e mediterranea" organizzata dall'Università di Bologna e dal Consorzio Almalaurea (10-11 marzo). L'obiettivo della Conferenza è stato promuovere lo scambio di conoscenze interdisciplinari, informazioni ed esperienze tra laureati, ricercatori, imprese, università e governi.

La crisi economico-finanziaria ancora in atto, che continua a ripercuotersi in modo particolare sui giovani, ha avuto un forte impatto sul mondo del lavoro, riducendo da un lato le possibilità di occupazione, dall'altro i guadagni. L'Italia è ancora lontana dall'obiettivo del 40% di laureati entro il 2020 individuato dalla Commissione Europea e il calo di iscritti nelle nostre università corrisponde anche al calo demografico registrato negli ultimi anni.

Come emerso dal XIII Rapporto Almalaurea, in Italia i diplomati hanno maggiori difficoltà a trovare un'occupazione rispetto ai laureati (il rapporto è di 66 a 75 su 100). A un anno dal conseguimento del titolo diminuiscono i contratti di inserimento e il lavoro atipico, ma aumenta il lavoro nero. Dopo 3-5 anni i guadagni si contraggono (ma i laureati guadagnano più dei diplomati, nella proporzione di 155 a 100), anche se i tassi di occupazione sono relativamente buoni; dal 2000, in assoluto, i tassi di occupazione dei laureati a cinque anni dal titolo sono costantemente calati e anche il guadagno è in calo del 9,1%. In linea generale, l'85% dei laureati si orienta verso il settore privato, mentre il 15% trova impiego nel settore pubblico. Il master e lo stage costituiscono un valore aggiunto che non ha perso convenienza ai fini dell'occupazione e della retribuzione.

Differenze sensibili emergono anche tra le varie aree: il tasso più alto di occupazione spetta ai laureati del gruppo medico (che sfiorano il 100% già a un anno dal titolo), seguiti dai gruppi architettura, economico-statistico e ingegneria (che raggiungono l'85% circa di occupati a tre anni dalla laurea). La quota di occupati dei gruppi geo-biologico, chimico-farmaceutico e giuridico resta invece inferiore alla media.

Per leggere alcuni commenti dei protagonisti del convegno e altri usciti sulle pagine dei quotidiani, clicca qui.


Isabella Ceccarini
(marzo 2011)
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
Reinventing Brand
QUADERNI
30. MOOC. Risorse educative aperte
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG