• La terza missione dell'università
  • Le università britanniche dopo il Brexit
  • Eurostudent. Il bilancio del tempo
  • Apprendere a insegnare
  • Verso il servizio civile universale?
  • Offerta formativa in lingua inglese
NOTIZIE DALL'ITALIA
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
19/10/2016
Accordo Università di Roma Tor Vergata - Arma dei Carabinieri: nasce il primo corso universitario per i Nas
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
19/10/2016
In Somalia è “boom” di atenei privati di scarsa qualità
12/10/2016
L’ERC finanzia 325 progetti di ricerca in Europa
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Regno Unito: calano le iscrizioni alle università
 


Quest'anno le iscrizioni degli studenti britannici nelle università del loro Paese sono diminuite dell'8,7%, come riportano i dati dell'UCAS (University and Colleges Admissions Service). Il calo arriva al termine di un anno molto negativo per la politica dell'istruzione superiore, e si deve in gran parte al forte aumento delle rette universitarie.

Le perdite maggiori si sono registrate nei corsi di lingue non europee e in quelli tecnologici. Uniche eccezioni sono state le materie del settore sanitario, ovvero infermieristica, ostetricia e fisioterapia, in quanto finanziate dal governo e quindi esenti da tasse per gli studenti.

Il decremento maggiore (quasi l'11%) si è registrato tra gli studenti adulti (gli over 25, che rappresentano circa un terzo degli studenti del Regno Unito), la categoria maggiormente colpita dagli aumenti. Con la nuova legislazione, gli studenti adulti iscritti a un secondo corso di laurea non potranno più accedere al sistema dei prestiti a partire dall'autunno 2012; ma non è una politica miope mettere dei limiti a chi desidera ampliare il proprio bagaglio di conoscenze e alienarsi così un terzo della clientela?

Il Rapporto Brown del 2009 per primo prospettò l'abolizione del tetto massimo delle tasse e, dopo un cambio di governo, si proseguì su tale linea con il White Paper del luglio 2011, che propose di facilitare l'apertura degli atenei privati. Abolito il tetto, i ministri esortarono le università a non far pagare la somma più alta (9.000 sterline), promettendo agli studenti che ciò sarebbe avvenuto solo in "circostanze eccezionali". Sfortunatamente per il governo e soprattutto per gli studenti, più di metà delle istituzioni hanno deciso di far pagare l'intera somma nell'autunno 2012. Agli atenei che riducono la pressione fiscale il governo ha permesso di offrire 20.000 posti a tempo pieno; inoltre sono state introdotte le lauree no frills ("senza fronzoli"), che consentono agli studenti full time di pagare la metà delle tasse annuali rinunciando a una parte dei servizi.

Quello che è certo, è che i continui cambi di rotta dei governi negli ultimi dieci anni hanno prodotto risultati sconcertanti, e che difficilmente si raggiungerà l'obiettivo stabilito dal precedente governo di portare nelle università il 50% della popolazione in età 18-30 anni.

 

Elena Cersosimo
(19 marzo 2012)



(Fonte: Hannah Blackstock, Student applications drop just the tip of the iceberg, in "University World News", 19 febbraio 2012)

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG