• L'Open Access
  • L'istruzione superiore nel XXI secolo
  • Aumentare le tasse conviene?
  • 30 anni di Cimea
  • L'ipertrofia normativa delle università
  • Il tirocinio formativo attivo
NOTIZIE DALL'ITALIA
06/07/2015
Università: nuovo taglio al Fondo di finanziamento ordinario per gli atenei
25/06/2015
Regione Lazio: percorsi di alta formazione in Italia e all’estero per studenti universitari e laureati
11/06/2015
Pubblicato il bando per il premio ITWIIN 2015 alle migliori donne innovatrici
12/05/2015
Garanzia Giovani: opportunità di studio e lavoro nelle professioni digitali
11/05/2015
Svimez: le attività del “Forum delle Università del Mezzogiorno” per il 2015
01/05/2015
AlmaLaurea 2015: timidi segnali di ottimismo
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
01/07/2015
Ocse: entro il 2030 metà degli studenti laureati saranno cinesi e indiani
26/06/2015
Le difficoltà dei datori di lavoro nella ricerca dei talenti per l’occupazione
24/06/2015
Spagna: la prima guida per studenti universitari con disabilità
14/05/2015
Erasmus+: prestiti agli studenti, 18 mila euro per un corso di secondo ciclo all’estero
13/05/2015
Russia: la crisi economica si abbatte sul sistema d’istruzione superiore
22/04/2015
Eua: Rolf Tarrach, Università del Lussemburgo, è il nuovo presidente
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Francia: modifiche all’autonomia universitaria e aumento dei poteri ai Rettori
 


Dal 1° febbraio altre 8 Università francesi[1] sono divenute autonome. Dopo i 18 Atenei del 2009, i 33 del 2010 e i 22 del 2011, si tratta dell'ultimo gruppo di Università passate sotto il regime normativo della Loi relative aux responsabilités et aux liberté des Universités (LRU), approvata nel 2007. L'autonomia attribuisce alle istituzioni d'istruzione superiore la gestione finanziaria e delle risorse umane, compreso il reclutamento dei docenti e del personale amministrativo.  Soltanto tre Atenei (Clermont I - Toulose I Capitole e Université de Poitiers) hanno potuto però usufruire finora anche della prevista devoluzione patrimoniale, consistente nel trasferimento di beni da parte dello Stato. (Approfondisci)

Sempre dal 1° febbraio un provvedimento ministeriale (Décret n° 2012-16 du 5 janvier 2012 relatif à l'organisation académique) ha modificato profondamente le competenze in materia di azione educativa, attribuendo direttamente ai Rettori l'adozione delle misure idonee per la gestione del personale, il funzionamento delle istituzioni e la messa in atto della politica educativa stessa. È stato rafforzato il loro potere, riconoscendo la possibilità di definire l'organizzazione funzionale e territoriale per adattarla alle caratteristiche locali, pur nel quadro ministeriale di riferimento. I "directeurs des services départmentaux" (IA-DSDEN) provvederanno ad attuare la strategia accademica a livello dipartimentale e, in qualità di "directeurs académiques" saranno delegati a firmare a nome del Rettore l'insieme degli atti relativi agli affari di loro competenza. ? stato inoltre istituito un "Comité de direction de l'Académie" ed è stato fissato anche il quadro nazionale di un "service publique de proximité", capace di adattarsi alle evoluzioni richieste per favorire la riuscita degli allievi. I nuovi Rettori saranno tutti nominati dal Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro dell'Educazione e previa decisione del Presidente della Repubblica.

Le nuove misure adottate permetteranno, ad avviso del Governo, una più chiara linea gerarchica, rendendo il sistema più fluido ed efficace. Inoltre mirano a tradurre in pratica l'ambizioso obiettivo di stabilire il raggiungimento degli obiettivi, prefissati con contratti quadriennali da stipulare tra lo Stato e le singole Università. Non a caso una politica di contrattualizzazione tra Amministrazione Centrale e Università è già in corso di sperimentazione nelle Università Cretéil, Dijon, Versailles, Lille, Montpellier, Poitiers e Strasbourg. Lo scorso mese di luglio, peraltro, il Conseil Supérieur de l'éducation (CSE), organo rappresentativo della Comunità accademica, aveva rigettato il  progetto, temendo una eccessiva concentrazione dei poteri in capo ai Rettori, divenuti "la sola autorità competente dell'Università" a pilotare l'autonomia concessa.

 

Maria Luisa Marino
(27 febbraio 2012)



[1] Grenoble III, Lille III, Lyon II, Montpellier III, Paris VIII, Perpignan, Université de Toulon e Université du Var.

Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
Universitas per iPhone e iPad
QUADERNI
28. Dallo studio al lavoro. Iniziative, strumenti e criticità nel placement dei laureati
Cimea
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
Riflessioni sull'etica del sapere
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG